Juvenilia per il sociale

11.12.2020 16:18 di RNFVG Redazione   Vedi letture
Juvenilia per il sociale

La Juvenilia Bagnaria Arsa, oltre al lavoro costante ed organizzato per la promozione del rugby, si sta anche dando da fare per interagire in maniera ottimale anche a livello sociale. Questo aspetto lega, in maniera sempre più importante, la realtà ovale con il territorio che vuole rappresentare. La Juvenilia supporta e cerca di valorizzare molti progetti: l'Associazione Friulana Donatori di Sangue, il Seven per Cosimo e Tappo di Vino, senza dimenticare Movember e “Aiutiamo la Scuola di Kisenyi”. 

AFDS 
Sono tanti i tesserati Juvenilia che si sono iscritti alla sezione locale dell'Associazione Friulana Donatori di Sangue. Proprio il prossimo 20 dicembre, ad esempio, verrà effettuata una donazione di gruppo presso il centro trasfusionale dell'ospedale di Palmanova. 

TAPPO DI VINO 
L'associazione Tappo di Vino raccoglie i tappi di sughero per riciclarli. Questa iniziativa nasce negli anni passati quando, con lo slogan "Porta il cuore in meta", la presidente Roberta Masat decise di stimolare il mondo del rugby e, questo, rispose in maniera importante. Quesi tappi servono a sostenere il Dynamo Camp, un progetto che aiuta le famiglie dei bambini malati di patologie gravi. Questo sostegno tangibile alimenta e sostiene il parco di Dynamo, fatto a misura per poter far divertire questi bambini. Attualmente sono stati donati più di 50.000 euro derivanti dal riciclo dei tappi. 

SEVEN PER COSIMO 

Il Seven per Cosimo, invece, è un iniziativa che nasce nel 2009 per sostenere il tallonatore dello Spezia Rugby vittima di un grave incidente. La manifestazione, inizialmente, veniva giocata a La Spezia, sostenuta anche da quel Francesco Cirinà, allora membro del La Spezia Rugby e attuale vicepresidente della Juvenilia Bagnaria Arsa. Così dal 2018 l'evento si è spostato a Bagnaria e ha permesso, tra le altre cose, di iniziare una positiva collaborazione con la Rappresentativa Nazionale Seven formata da Vigili del Fuoco. 


MOVEMBER

Il movimento per la sensibilizzazione verso i tumori maschili è da sempre fondamentale per i giocatori di rugby che, per tutto il mese di novembre come gesto simbolico si fanno crescere i baffi. Così la Juvenilia si è da sempre resa protagonista di questo momento: ha gestito un'asta di beneficenza dove sono state battute diverse maglie da gioco autografate, da quella dello Stade Française di Sergio Parisse, fino a quella della Nazionale Australiana; quest’anno, invece, ha partecipato a Movember tramite l’acquisto di borracce alla raccolta fondi organizzata da Dario Piccinini, del Pordenone Rugby. 

Non ultimo, essendo la Juvenilia una polisportiva, ha anche sostenuto il progetto del suo allenatore di volley Eugenio Borgo, denominato “Aiutiamo la Scuola di Kisenyi” in Uganda; in questo contesto, tramite donazioni e materiali consegnati nelle mani dirette degli interessati si è riusciti a ripristinare la scuola, ristrutturare la casa dei maestri e garantire la continuitá scolastica a diversi ragazzi.